Cambia lingua

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

E’ STATO UGUALMENTE UN GRANDE SALONE

10/01/2016

Pur se privato della sua parte più interessante, che per 40 anni lo hanno reso celebre in tutta Italia, il Salone non ha smesso del tutto il suo interesse e pur se ridotto alla sola parte promozionale e commerciale è stato straordinariamente frequentato.

Se per motivi di “stanchezza” (coloro che lo hanno iniziato 41 anni fa, avevano allora 30/40 anni), considerando il mancato ricambio generazionale di appassionati, ma pure per quei motivi economici che stanno travagliando un po’ tutti e conseguentemente anche le nostre manifestazioni, abbiamo dovuto rinunciare alla parte espositiva, famosissima negli anni per la singolare bellezza dei soggetti esposti, l’aver tuttavia conservato il momento di incontro tra i tanti appassionati è stato sufficiente motivo per lenire il dispiacere circa la rinuncia della mostra vera e propria.

Nei due giorni dedicati alla Mostra scambio – Mercatino, si sono avvicendati tutti gli appassionati di quella che ripeterò sempre, essere la passione più bella del mondo, in un continuo abbraccio, strette di mano e un susseguirsi di tanti racconti, esperienze vissute, aspettative attuali e speranze future. La stagione come, già iniziata per qualche canaricoltore, è ormai vicina per tutti e, la classica giornata del 18 marzo giorno di San Giuseppe dedicata in maniera ufficiale da sempre agli accoppiamenti, sta preparando mentalmente tutti gli ornitocoltori in genere, alla nuova avventura stagionale. Il Salone ha sempre rappresentato il “mercato calcistico invernale” e in gennaio c’è, qualche “pedina” in più da mettere sul mercato, mentre ne serve qualche altra per completare un migliore organico! La Mostra scambio - Mercatino Varaghese è da sempre considerato uno dei più interessanti momenti di “riparazione” per completare la propria squadra di riproduttori prima del via.

Il Salone, anche in quest’ultima edizione da questo punto di vista è rimasto tale e gli affari sono stati molti, interessanti e pure proiettati anche nel futuro con la creazione di nuovi incontri e conseguentemente di nuove amicizie e rapporti, vuoi anche perché è indubbiamente il luogo dove si possono trovare in gran numero oltre ai tradizionali Canarini e Psittacidi, tantissimi Indigeni ed Esotici, oltrechè attrezzature, accessori e alimenti all’avanguardia.

L’occasione è stata inoltre davvero propizia per consentire il rinnovamento di molte tessere e l’acquisizione di nuovi associati, consentendo allo stesso tempo agli stessi la richiesta degli anellini per i pullus 2016.

L’Ambiente “Aorfino- Varaghese” si è confermato anche in questa edizione come il solito buon salotto dove l’ospitalià e l’intrattenimento è curato in ogni sua parte consentendo soste ristoratrici con una bar e un ristorante di tutto riguardo e “ciacolate” ornitologiche infinite pur se ripetitive. Di fronte ad un “cicchetto e a un vin brulè” sono stati in molti ad intrattenersi, creando nonostante la buona organizzazione qualche “impegno di servizio” oltre il previsto, pur se sbrigato alla grande.

Bene dunque, ancora un passo avanti su di una strada già bene iniziata e come sempre, come dice Bruno Modugno nella nota rubrica SKI: Caccia e Pesca: ”in barba a chi ci vuol male”

 

 

VEDI IL SERVIZIO FOTOGRAFICO.