Cambia lingua

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

SVOLTA L’ASSEMBLEA ORDINARIA DELL’AORfu CULT VENETO - IN UN CLIMA DI ASSOLUTA SERENITA’.

07/02/2013

Dopo gli esiti positivi del Consiglio di Presidenza Nazionale svoltosi 24 ore prima, grande concentramento dei Presidenti Aorfini che hanno dato l’ennesima prova di solidarietà e sostegno comune alla causa Associativa e di conseguenza a quella Federativa.

All’Ordine del Giorno un breve sunto della proficua riunione del Consiglio di Presidenza Nazionale, ha preceduto una dettagliata ed esauriente relazione del Presidente Graziano Fabris che ha intrattenuto i colleghi Presidenti di Fiera su quelli che sono stati i lusinghieri quasi incredibili successi conseguiti nel 2012. In un periodo di crisi assoluta l’AORfu CULT VENETO è andata in controtendenza ottenendo e vantando traguardi impensabili sia tecnici, che morali, che economici.

- E’ stato ricordato l’esaltante aumento di soggetti esposti nelle Fiere che sono passati dai 5.029 canori del 2.011 ai  6..234 del 2.012 pur se alcune Fiere per ragioni economiche hanno dovuto rinunciare alla gara canora; ma quello che fa ancora oggi strabuzzare gli occhi è stato il grande balzo in avanti effettuato dai Concorrenti (bancarelle) con Canarini – Esotici – ibridi ed Indigeni passati da 2.028 nel 2.011 a ben 2.521 nel 2.012. Davvero esaltante è stato infine il risultato ottenuto da Cardellini – Lucherini e Peppole (ex Uccelli in deroga ora divenuti effettivi) passati da 458 del 2.011 a 936 del 2.012 in questo caso e in proporzione, questi Uccelli hanno ottenuto il miglior risultato essendo più che raddoppiati convincendo tutti in una ulteriore  crescita.

- A detta del Presidente, condiviso del resto dall’Assemblea che ha sottolineato i vari passaggi con evidenti segni di approvazione, questi sono risultati derivati da una attenta e oculata attenzione rivolta agli “operatori” delle Fiere. In primis i consistenti riconoscimenti di partecipazione alle gare messi  in palio nelle stesse, che garantiscono un  decoroso rimborso spese  anche agli ultimi classificati e non solamente al primo (questa lungimirante e avveduta scelta sta davvero premiando); sempre in fatto di riconoscimenti si stanno rivelando sempre più interessanti le Borse di Allevamento assegnate a fine stagione specie in tempi come questi esse stanno diventando ambitissime, perché aiutano enormemente a coprire per  buona parte le tante spese sostenute per mantenere in funzione un allevamento amatoriale e quelle domenicali per partecipare alle gare da veri appassionati. Nel 2012 a ottenere questi “preziosi” riconoscimenti sono stati in 93.  Il desiderio più grande sarebbe quello di aiutare e sostenere tutti i nostri concorrenti perché questi  93 sono solo una piccola parte, ma ciò sarà impossibile. Per questo stiamo studiando qualche cosa di “premiante” anche per coloro che dopo una stagione di gare e sacrifici non riescono a rientrare nei migliori e perciò pensiamo fin da questa stagione a dei “buoni sorteggio” in modo che magari aiutati dalla dea bendata  un numero sempre crescente di appassionati siano aiutati e sostenuti per poter continuare nella grande passione.

- Un ruolo importantissimo sempre volto a tenere insieme e vicini gli appassionati sono le tante occasioni con - gli spiedi - le lepri - le anatre – i cinghiali – il capriolo - le bisatte – le grigliate  le spaghettate, che chi più può, trova sempre il piacere di offrire agli altri e poi, il “Banchetto domenicale dell’ Amicizia” con le tante sopresse - porchette - salami e formaggio e, dove il “bianco e il nero” abbonda in quantità “generose” creando quel clima di amicale aggregazione riuscendo a coinvolgere tutto il mondo Aorfino contribuendo in maniera considerevole ad ottenere questi straordinari risultati.        

- Ma in fatto di aggregazione è pure stato ricordato come l’AORfu sia pure intervenuta nei confronti di alcune sue Associazioni bisognose, aiutandole e sostenendole per consentire loro di continuare  “nessuno deve essere lasciato per strada”  questo è stato il comun denominatore di tutti gli argomenti trattati nel corso della mattinata.  

- E’ stato ricordato il grande impegno anche nei confronti di “Madre Fimov” perché quando si aderisce a una Federazione si deve farne parte in maniera fattiva e perciò sono stati organizzati ben tre pullman per consentire ai concorrenti - garisti di partecipare alle gare interregionali di Forlì e Brembate di Sopra e al CIUC di Grumello. Vero è pure, che molti altri concorrenti hanno preferito spostarsi con i propri mezzi, ma in ogni dove siamo stati presenti in maniera collaborativa.

- E’ stato aspramente criticata la notizia apparsa sia in un lunario da muro, che nel sito internet di un “certo gruppo” dove si legge che per “espresso desiderio” di un sindaco in una determinata domenica estiva si svolgerebbe il Campionato Italiano Uccelli Canori organizzato da questo “gruppo”. Letto il contenuto integrale scaricato da quel sito, il fatto ha suscitato sdegno e rammarico per il semplice fatto che  con questa denominazione la FIMOV ha già organizzato 21 edizioni della prestigiosa Kermesse Canora in tutte le regioni dove esiste il movimento fieristico e questo grave plagio sarà adesso valutato il giusto.

- E’ stato comunque comunicato ai presenti e ciò per evitare la solita confu – sione, che il  Campionato Italiano Uccelli Canori (quello vero e originale) si svolgerà turnariamente come da accordi Federativi programmati già il  22 marzo 2012 a Grumello del Monte (BG) in Friuli e precisamente  il 17 agosto a Sacile (PN).

- Si è successivamente informato che su precise indicazioni del Consiglio di Presidenza Nazionale, il Campionato Italiano Uccelli Canori è stato assegnato al Veneto nel 2016. Il Presidente Fabris ha quindi aperto le candidature e immediatamente si sono proposte tre sedi di Fiera: Casella d’Asolo – Fanzolo e San Michele al Tagliamento. Le possibilità di candidarsi per il grande appuntamento si concluderanno il 31-12-2013 dopo di che le varie sedi saranno valutate attentamente e sarà scelta la sede più idonea del CIUC 2016.          

- E’ stato infine presentato e approvato il bilancio consuntivo 2012.

- La riunione si è conclusa alle ore 12.00 davanti ad un dolce buffet  carnevalesco onorato alla grande dai tanti presenti.

Vedi servizio fotografico