Cambia lingua

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

LA 39^ EDIZIONE DEL “SALONE COPPA DEI CAMPIONI” ORGANIZZATO DALL’AORfu/FIMOV

10/01/2013

Che si dovesse trattare di una splendida edizione del Salone Coppa dei Campioni lo si è intuito sin da inizio del mese di dicembre, da quando sono iniziate ad arrivare le prime prenotazioni di gabbie; così come si è compreso ancora meglio “la vogliosa fame” dell’Ornitocoltore di vivere momenti di aggregazione e incontro dovuti alla grande passione che quest’anno per vari motivi si è visto privare a causa della crisi economica. Ecco la brutta bestia con la quale anche le Associazioni Ornitologiche si devono confrontare. Nel Veneto, alcune Associazioni hanno dovuto rinunciare alla loro mostra, altre si sono consorziate fino a quattro pur di realizzarne una sola e da ciò, le tante domeniche senza Uccelli,  senza Amici da incontrare per le solite ma irrinunciabili quattro chiacchiere,  che  sono poi il sale della grande passione. La crisi economica si diceva; ebbene questo è il motivo sicuramente principale,  perchè mandare avanti una Associazione è un reale problema e mantenere oggi anche un piccolo allevamento amatoriale costa ormai  troppo e il prodotto (gli uccelli allevati),  non è remunerato il giusto. In quest’ultimo caso poi tocca sovente di dover vendere i propri canarini a 4/5 € l’uno e di ricomprarli dallo stesso acquirente dopo un mese a  25/30 e su tre soggetti ironia del caso, due hanno magari l’anellino dello stesso allevatore. Il prezzo in un mese è aumentato di sei volte abbondanti……e questo indispettisce molto!  Ci sono poi gli stessi commercianti e gli stessi negozi gravati di tasse, tassine e tassone a non passarsela tanto bene, componendo con tutto il resto citato più sopra una situazione di vero disagio

Poi seguono le premiazioni, che sempre per gli stessi motivi  in tante mostre esse sono scarsissime e prive di qualità.    Un tempo si premiava il primo classificato di ogni categoria con l’oro, oggi questo è impossibile per chiunque, per cui il prezioso metallo viene sostituito con prodotti alimentari che magari fanno anche comodo! ma questi premi devono in qualche modo essere più remunerativi e premianti ma anche questi ultimi hanno un prezzo sempre più caro! E’ dunque l’Allevatore colui che è “l’attore protagonista”  a soffrirne di più; via, via si stancherà e in tanti (troppi) casi, smetterà di allevare!

Premesso questo, torniamo al Salone e alla cronaca di quella che è stata la 39^ edizione di questa manifestazione.

L AORfu/FIMOV, pure con molti sacrifici - estremo impegno  e attenta e valutazione, ha dunque riproposto il proprio Salone. Si è fatto pagare il biglietto d’ingresso (cifra molto modica, ma indispensabile), ai propri visitatori,  ciò per assicurare agli ornicoltori espositori dei premi davvero notevoli dei quali sono rimasti molto soddisfatti. Un’accoglienza ristoro e la risaputa ospitalità e disponibilità  degli organizzatori  davvero straordinaria, ha poi fatto il resto.

Il Salone è famoso in tutta la penisola per la qualità (tutti campioni) dei soggetti esposti. Questa edizione ci ha costretto ad allargare al massimo lo spazio per l’esposizione ciò per acconsentire di accogliere i tanti espositori provenienti (come sempre) da località piuttosto lontane, grazie anche alle condizioni atmosferiche favorevoli che hanno consentito i lunghi spostamenti con maggior facilità. Ricordiamo per esempio come lo scorso anno nello stesso periodo l’Emilia  Romagna e tutta la zona Adriatica fosse  sotto due metri di neve; meno gravi, ma pessime anche in tutto il resto del nord Italia.

Tanto per dare alcuni dati sulla bontà dei soggetti presenti riferiamo che Il Best in Show, è andato ad uno splendido Ibrido di Ciuffolotta x Crociere allevato da Gianni Brotto che ha totalizzato 95 punti, ma ben 39 soggetti ne hanno ottenuti 94; 102 sono stati invece i 93 e ben  156 i 92. Tutti d’accordo per il Best, che alla fine un punto in più lo valeva tutto, ma grandi difficoltà e confronti ripetuti (tra la giuria) per i campioni di razza a causa dei tanti 94 punti, tanto che alla fine questa parità si è dovuta spezzare pur dopo un ampio dibattito puntando su meriti tecnici particolari come: la difficoltà di accoppiamento – rarità e interesse ornitologico. Il giudizio  è stato affidato solo ed esclusivamente a Giudici FOI, pertanto dal nostro sito alla Federazione vanno i dovuti ringraziamenti.

Un mercato davvero straordinario sotto tutti gli aspetti ha infine accolto, ma soprattutto soddisfatto gli oltre mille convenuti (tutti ornitofili); buonissimi e oltre le più rosee previsioni gli affari; grande e impegnativo lavoro per la gestione del bar e della cucina dove i pur bravissimi addetti hanno faticato gioiosamente non poco per soddisfare  le tante richieste.

Con la speranza di festeggiare nel 2014 il 40° della fondazione, ringraziamo con grande gioia quanti in qualsiasi modo hanno contribuito all’ottenimento di questo ennesimo straordinario successo.

VEDI LE FOTO RELATIVE.