Cambia lingua

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

MAI VISTO NIENTE DI SIMILE UN VERO URAGANO PUR SE DI BREVE DURATA

26/04/2012

Cronaca di una brutta giornata, momenti di vero disagio e apprensione vissuti a Varago domenica 22 aprile. Cose mai viste prima.

Varago ore 14.45 circa nel momento culminante delle iscrizioni quando di lì a poco sarebbe dovuta iniziare la rassegna cinofila, si scatena su Varago una ventata d’aria gelida (un piccolo ciclone), che dura alcuni interminabili secondi (forse nemmeno un minuto), ma che riesce a devastare i 18 gazebo allestiti per l’occasione compresi alcuni dell’adiacente mercatino dell’artigianato. Tutt’intorno portati dalla folata di vento impetuoso di tutto: sacchetti di mangime, depliant, documenti della mostra portati per il campo di gara e nella strada adiacente, tavoli rovesciati e oggetti vari dell’artigianato spazzati lontano, gazebo divelti, alcuni volati in aria per cadere alcuni metri più in là e scrosci d’acqua di un’entità impressionante. Danni e devastazione anche nelle vie adiacenti ancora colme di Espositori di Uccelli da Gabbia e Voliera e mercanzie varie. L’immenso teatro tenda fortunatamente aperto nei lati si tende allo spasimo, ma resiste. Incredulità e impotenza di fronte ad una forza della natura incontrollabile e inimmaginabile, se il tutto fosse durato qualche attimo di più, adesso forse saremo qui a raccontarvi una storia ancora più brutta, ma quanto accaduto in pochi attimi, ci ha fatto capire immediatamente cosa significhi uno dei tanti veri cicloni che ogni anno flagellano le coste degli oceani mietendo migliaia di vittime e arrecando danni gravissimi. 

E’ vero che da qualche minuto il cielo si era fatto di un color blu – viola poco raccomandabile, ma non c’erano presagi, nè di lampi nè di tuoni, per cui ci si preparava ad un'altra spruzzata più o meno intensa come previsto dal meteo, ma nessuno prevedeva un simile disastro……. .

In un attimo il teatro tenda cosi come i locali pubblici del paese si è riempito all’inverosimile di persone che stavano affluendo in fiera in maniera massiccia per cercare riparo; occupate anche le cucine, i ripostigli, il centro sociale, la segreteria, le casse. Cani che abbaiavano, gente che gridava, molti spingevano. L’impianto voce con il quale si sarebbe potuto parlare alla gente scaraventato a terra dal vento e in tilt. Attimi di vero disagio. Poi, calmatosi il vento la pioggia è continuata con una intensità tale da rendere inagibili i campi di gara curati per giorni da appassionati giardinieri riducendoli ad una risaia. Tutto vanificato, tutto rovinato: I 79 cani rimasti dei 184 iscritti (ai quali sono stati restituiti i soldi dell’iscrizione) hanno dato vita (mentre il diluvio continuava), ad una esibizione molto ridotta negli esigui spazi ricavati all’interno del teatro tenda.

Non era andata bene nemmeno al mattino permettendo tuttavia lo svolgersi della gara canora in maniera sofferta pur se sufficiente per poter redigere delle classifiche. L’alba si era presentata subito poco promettente, ma la speranza nel bene e nel miglioramento del tempo era grande, per cui si è consentito ai  397 uccelli canori iscritti già tutti molto in forma, di poter dar vita ad una esibizione davvero importante.

Molto danneggiato il concorso per uccelli da gabbia e voliera  pur se protetti da teloni e lo stesso accidente pure per tutte le programmate esibizioni canine non stop di disc –dog- obbedienza, lavoro e passerella che si sono in qualche modo svolte sotto ad una pioggia leggera, ma continua e incessante sfidata da un numero impensabile di appassionati che vi hanno assistito. Al rintocco della campana di mezzogiorno sia pure tra immensi nuvoloni bianchi, è comparso in cielo un sole splendido (troppo), che ha acceso le speranze e riscaldato l’atmosfera facendo ben sperare, ma il tutto è durato poco più di un paio di ore, quando improvvisamente poi, è accaduto l’imponderabile, che vi abbiamo più sopra descritto e che nessuna previsione meteo prevedeva!!

 

Le Classifiche:

 

Merli:  1° Guerrino Rossi – 2° Lino Simeoni – 3° Giudeppe Lucchetta – 4° Giuseppe Zambon – 5° Bruno Favero - 6° Florio Poloni – 7 ° Valerio Zanellato

Tordi: 1° Claudio Toniatti – 2° Mario Fontanari – 3° Antonio Basso – 4° Ettore Zambaldi – 5° Lino Gazzola – 6° Giuseppe Finco – 7° Vittorio Fontanari – 8° Silvano Modolo

Sasselli: 1° Zaverio Tumiotto – 2° Raffaele Zambon – 3° Flavio Collareda – 4° Renato Corrazza – 5 ° E. Gildo Poloni – 6° Claudio Toniatti.  

Allodole: 1° Giorgio De Battisti – 2° Antonio Campardo – 3° Roberto Butturini – 4° Claudio Toniatti – 5° E. Gildo Poloni- 6° Ettore Zambaldi - 7°Federico Splillare. 

Fringuelli: 1° Elvira Poloniato – 2° Federico Spillare – 3° Roberto Butturini – 4° Giuseppe Finco – 5° Tarcisio Bisetto .  

Tordine: 1° Zaverio Tumiotto – 2° Slvano Modolo – 3° Antonio Campardo – 4° Tarcisio Bisetto- 5° Federico Spillare – 6° Renato Corrazza  - 7° Roberto Butturini.

Quaglie: 1° Fabio Civiero – 2° Adriano Buso – 3° Lino Piazza – 4° Pio Piazza – 5° Giovanni Giacomazzi 6° Giuseppe Mazzoccato – 7° Giovanni Buso – 8° Mauro Civiero – 9° Denis Buso

Lucherini: 1° Luigi Campardo – 2° Renato Corazza – 3° Florio Poloni – 4° Tumiotto Zaverio – 5° Giorgio De Battisti – 6° Gino Ferri

Cardellini: 1° Florio Poloni – 2° Francesco Tumiotto – 3° Roberto Butturini – 4° Federico Spillare - 5° Gino Ferri.    

Peppole: 1° Vittorio Fontanari – 2° Elvira Poloniato – 3° Giorgio De Battisti - 4° Gino Ferri.

Gruppi Canarini: 1° Samuele Martellozzo – 2° Luigi Bordin – 3° Beniamino Bordugo – 4° Vittorio Ragazzo 5° Maurizio Zanusso – 6° Antonio Bettin  

Gruppi Esotici: 1° Arca di Noè – 2° Fabrizio Menin – 3° Dorino Biadene – 4° Luigina Bergamo – 5° Paolo Salvador  - 6° Leonildo Pelizzato – 7° Maurizio Zanusso.

Gruppo Ibridi: 1° Giovanni Polizzari – 2° Paolino Milan – 3° Gianni Brotto – 4° Arca di Noè - 5° Maurizio Zanusso.

Singoli  Indigeni: 1° Giovanni Pellizzari – 2° Centro Fauna – 3° Beniamino Bordugo – 4° Gustavo Morrocutti – 5° Elenio Diamanti

Singoli Mutati: 1° Paolino Milan – 2° Giovanni Brotto – 3° Centro Fauna – 4° Amici Pappagalli – 5° Giovanni Pellizzari  - 6° Arca di Noè 7° Elenio Diamanti.  

Vedi foto.