Cambia lingua

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

TROFEO VENETO E GRAN PREMIO FEDELTA’

20/06/2010

E’ un’idea vecchia, nata nel lontanissimo 1987 che ha ormai 24 anni fa, ma se allora l’istituzione del “TROFEO REGIONALE VENETO” è stata “un pensiero stupendo” oggi questo Gran Premio, trova un interesse non solo di prestigio altamente tecnico e qualificante, perché a ciò, si aggiunge un premio economicamente appagante ciò in considerazione dei tanti sforzi profusi e le tante spese sostenute nell’arco dell’intera stagione per raggiungere l’ambito traguardo. 

Al “pensiero stupendo” quattro anni fa si è pensato di dare un incentivo economico che sta diventando sempre più interessante, e ci si riferisce al famoso accantonamento di 1€ per ogni uccello canoro e di 5€ per ogni gruppo di uccelli da gabbia e voliera esposti in ogni singola Fiera. 
La proposta fu discussa nell’assemblea dei Presidenti il 13 febbraio del 2007, e fu approvata con 41 voti favorevoli e solamente 2 contrari (Godega e Rustignè poi uscite dall’AORfu Cult Veneto). 

In realtà si tratta di una specie di “Cassa Peota” pur se integrata, in quanto per raggiungere questo accantonamento, il 25% viene versato dalle stesse Associazioni (Fiere) e un altro 25% dall’AORfu Cult Veneto.
Per andare sempre incontro alle enormi spese sostenute nei loro allevamenti dagli espositori e dai concorrenti con l’intenzione mirata di aiutarli a continuare nella loro grande e troppo spesso ingrata passione, sempre e comunque travagliata da disagi economici e burocratici, si è avuto un'altra idea quella di istituire delle cosiddette: “borse di allevamento” una specie di raccolta di “bollini” distribuiti nelle Fiere AORfu, che alla fine, premieranno coloro che nel corso dell’anno saranno stati più presenti e più fedeli. 

Un altro modo per dimostrare con i fatti, quanto l’Associazione sia vicino ad un mondo così tanto bistrattato e disagiato nel quale a volte bisogna combattere non solo contro avversari che vanno comunque considerati e stimati, ma sempre più spesso con nemici che non avrebbero nessun motivo di esserlo.